Istituto Romano per la Ricerca sull'Ipnosi clinica e sperimentale 

Ipnosi a Roma: Psicoterapia Ipnotica

                        a cura dell'IRRI di Roma - Istituto Romano per la Ricerca sull'Ipnosi

 

 

Quella che segue è una breve descrizione del nostro modello di psicoterapia ipnotica. Vi troverai un elenco dei principi basilari su cui si basa la terapia ipnotica e alcune indicazione sugli aspetti di efficacia e di efficienza di questo modello di psicoterapia. Nello specifico:

 

In questa pagina:

 

- L'uso delle risorse nella psicoterapia ipnotica

- Fidarsi dell'inconscio

- Il paziente attivo dell'ipnosi

- La relazione tra paziente e terapeuta, il Rapport ipnotico

- Efficacia ed efficienza dell'ipnosi - terapia

- Milton Erickson e l'ipnosi moderna

 

 

L'USO DELLE RISORSE NELLA PSICOTERAPIA IPNOTICA

 

Per comprendere come l'ipnosi e la psicoterapia ipnotica funzionano bisogna, innanzitutto, comprendere come nasce un comportamento patologico. In questa direzione possiamo individuare, chiaramente semplificando, due diverse categorie.

La prima è quella di un comportamento che funzionale in un momento della nostra vita ad un certo punto diventa disfunzionale perché cambiano le circostanze intorno a noi o dentro di noi.

La seconda è quella di comportamenti che irrompono, spesso violentemente, nella nostra quotidianità e scuotono noi e le nostre relazioni. In relazione alla prima categoria, un esempio pratico può essere una dipendenza, per esempio dal fumo.

Ogni fumatore sa che iniziare a fumare è piuttosto faticoso ed è davvero raro che non ci siano iniziali sensazioni di disgusto. Nell'ambiente intorno a noi (di solito quello del gruppo in età adolescenziale), però, quelli con la sigaretta sembrano più forti e sicuri di sé, ed è così che noi vogliamo apparire e sentirci. Ci sforziamo così di superare le iniziali difficoltà e, contemporaneamente, costruiamo una sorta di rituale in cui utilizziamo la sigaretta per accedere a stati di sicurezza. In pratica, la sigaretta diventa la chiave per aprire la porta della sicurezza, della concentrazione, del piacere.

Questo discorso può valere sia per le varie forme di dipendenza sia per quei comportamenti ritualistici e ripetitivi tipici dei disturbi ossessivo-compulsivi in cui non si è più capaci di interrompere un comportamento o un pensiero. La seconda categoria fa riferimento a quelle situazioni in cui i sentimenti irrompono inspiegabilmente nel nostro quotidiano, come nel caso dell'ansia, delle fobie, degli attacchi di panico o della depressione; o in cui il nostro corpo comincia a funzionare in modo inusuale, come nei disturbi psicosomatici (dal mal di testa alle coliti) o nei disturbi di conversione (in cui senza nessuna causa organica perdiamo per esempio il controllo degli arti).

In entrambi i casi l'ipnosi ci permette di utilizzare per superare questi difficili momenti la possibilità di usare risorse inaspettate, le nostre risorse inconsce. Nel primo caso la possibilità è quella di attivare risorse che ci permettano di ottenere gli effetti desiderati in un modo alternativo. La possibilità di sentirci sicuri e capaci, e di attingere alle nostre forze interiori . Nel secondo caso la possibilità che ci offre l'ipnosi è quella di modificare i nostri sentimenti, insomma, la capacità di modificare i nostri stati affettivi o le nostre reazioni fisiologiche, trovando una prospettiva o un modo di sentire diverso e più funzionale ai nostri scopi e quindi al nostro benessere.

In entrambi i casi possiamo arrivare a percepirci come in continua evoluzione e percepire la nostra crescita costante. Non più bloccati nelle nostre percezioni, possiamo comprendere come l'immagine di noi stessi più che una fotografia è un film, dotato quindi di complessità e capacità evolutive.

Ma proviamo a comprendere meglio questa metafora.

                                                                                                             ...torna su

 

 

FIDARSI DELL'INCONSCIO

Nei nostri momenti di difficoltà di solito ci sentiamo bloccati, intrappolati in una situazione senza uscita. Ci mancano le risorse interne per reagire ovvero tutti i nostri tentativi sembrano vani e inutili. E' come se, dopo sforzi immani, alla fine ci ritrovassimo sempre al punto di partenza. Eppure ci stiamo davvero provando con tutte le nostre forze ... o meglio, con tutte le forze che sappiamo di avere!
Buona parte (forse più del 90%) del nostro comportamento e delle cose che sappiamo è inconscio. Questo vuole dire che non sappiamo esattamente come lo facciamo o non sappiamo di saperlo. A dirla proprio tutta, questo può essere un bene.
Noi di solito non sappiamo come fare ad addormentarci eppure di solito riusciamo a farlo tranquillamente. Se provassimo ad essere coscienti del processo di addormentamento finiremmo per non riuscire a d addormentarci. E' questo quello che succede ad alcuni degli insonni cronici che diventano così attenti ed analitici nel processo di rilassamento che precede il sonno da non riuscire più a rilassarsi.
E' la storia della farfalla che affascinata dalla grande capacità di coordinamento di un millepiedi gli chiese semplicemente "quale piede muovi per primo?" e quello, immobilizzato, non riuscì a muovere più un passo.
La stessa cosa succede a noi quando riteniamo di non riuscire a fare qualcosa. E' al di la delle nostre possibilità. Resteremo bloccati in qualche parte del percorso. La nostra profezia di fallimento si realizzerà.
Questo è esattamente l'opposto di quello che succede a tutti noi quando sperimentiamo di guidare meglio la macchina quando smettiamo di pensare alla frizione, alle marce, al freno e all'acceleratore e alle frecce ... e ci fidiamo del nostro inconscio. Sappiamo farlo e lo faremo bene!
L'ipnosi ci permette di sperimentare il nostro inconscio in azione, di osservare le sue grandi capacità di soluzione dei problemi, di attingere a esperienze, ricordi e conoscenze che ritenevamo di avere dimenticato, di sentire la protezione che la nostra parte oscura mette in atto per proteggerci dagli altri e da noi stessi.
Questo, del resto, è uno dei motivi per cui in ipnosi non faremo niente di nocivo per noi stessi.

                                                                                                             ...torna su

IL PAZIENTE ATTIVO DELL'IPNOSI

 

Questo ci porta ad un altro aspetto importante nella terapia ipnotica e nell'ipnosi in generale. Tutt'altro che passivo alle suggestioni dell'ipnotista, il paziente dell'ipnosi ascolta e partecipa attivamente alla terapia, alla creazione di scenari evolutivi e di esperienze utili alla sua crescita interiore.
In ipnosi il paziente non perde conoscenza ma è assolutamente presente a quello che succede, di solito, focalizzato su ciò che è importante in quel momento e non disperso in pensieri meno rilevanti.
Come in ogni forma di psicoterapia il paziente non otterrà dei risultati che non vuole ottenere e si potrà confrontare con i suoi reali desideri. Potrà osservare i suoi problemi e le sue risorse da differenti punti di vista, potrà incuriosirsi e entrare più profondamente dentro di se per percepire sfumature differenti nelle sue stesse emozioni, potrà ritrovare ricordi ed esperienze smarrite da mettere al servizio dei propri desideri, potrà immaginare scenari futuri con accuratezza di dettagli.
Sicuramente è un'azione meno visibile all'esterno: il paziente in ipnosi non si sbraccia, non alza la voce, sembra non muoversi affatto, il più delle volte è con gli occhi chiusi. In realtà, durante la trance ipnotica i movimenti sono minimizzati, non assenti; e ogni più piccolo sospiro ha grandi significati.

                                                                                                             ...torna su

LA RELAZIONE TRA PAZIENTE E TERAPEUTA, IL RAPPORT IPNOTICO


L'attenzione che il terapeuta dedica al paziente in trance ipnotica è davvero particolarmente rilavante. L'economia delle espressioni durante l'ipnosi, di cui parlavamo poche righe prima, impone al terapeuta di dare una grande rilevanza ai dettagli e un rispetto importante per il paziente.
Del resto, sebbene l'ipnosi sia uno stato naturale della mente e tutti possono essere ipnotizzati, per entrare in ipnosi, paziente e terapeuta devono sicuramente costruire un rapporto significativo. Un rapporto basato sulla comprensione e sulla sintonia. Una relazione di fiducia e rispetto reciproco.
Non di rado, si ritiene, che sia proprio la particolare relazione che si crea tra paziente e ipnotista, il Rapport ipnotico, appunto, ad essere il volano per cambiamenti e risultati tanto significativi.

                                                                                                             ...torna su

EFFICACIA ED EFFICIENZA DELL'IPNOSI TERAPIA


L'pnosi non fa miracoli. Se è vero che ogni individuo è unico anche la terapia per quell'individuo unico ha bisogno di tempi adeguati e spesso non preventivabili, se non in corso d'opera.
Comunque, si può rilevare come l'ipnosi si presenti come trattamento efficace per i disturbi d'ansia (dall'ansia generalizzata agli attacchi di panico), per le fobie, per la depressione, per i disturbi somatoformi e quelli di conversione (dalle malattie psicosomatiche alle paralisi isteriche), e per le dipendenze (dal fumo, al gioco d'azzardo e allo shopping compulsivo)
Il trattamento con l'ipnosi è da ritenersi indicato anche dal punto di vista dell'efficienza, in quanto permette di ridurre notevolmente la durata dei tempi di trattamento.
Il trattamento con l'ipnosi si presenta come una forma di terapia breve ma risolutiva che si propone di restituire al paziente risorse per una migliore qualità della vita e per un benessere pieno e duraturo.
Nella terapia ipnotica ciascuno ha tutte le risorse necessarie alla guarigione e al cambiamento va solo aiutato ad usarle, a tornare protagonista della propria esistenza.

                                                                                                             ...torna su

MILTON ERICKSON E L'IPNOSI MODERNA


I principi appena enunciati, ed in particolare quelli della fiducia nelle capacità inconsce e nelle potenzialità individuali, sono principi basilari della terapia ipnotica e non ipnotica che segue il modello di Milton Erickson.
Straordinario psichiatra e ipnotista del secolo scorso, ad Erickson va il merito di aver ridato lustro e visibilità all'ipnosi davanti alla comunità scientifica. Questo risultato è stato ottenuto da una parte con una opera di costante e attenta ricerca scientifica e dall'altra grazie ad un intuito e una creatività fuori dal comune.
La grandezza di Erickson si comprende meglio quando si scopre come molti modelli terapeuti recenti si ispirano alla genialità di questo grande uomo. La terapia strategica, la terapia familiare e la programmazione neurolinguistica, solo per fare alcuni nomi, non solo attingono a piene mani, ma riproducono con fedeltà i suoi modi di agire.

A chi aveva chiesto ad Erickson di dare una descrizione del suo modo di lavorare, lui rispose con una storia.
Un giorno, da ragazzo, durante una scampagnata, Erickson e i suoi amici si imbatterono in un cavallo senza cavaliere che si aggirava solitario. Erickson gli montò in groppa e lo ricondusse dai proprietari. Quando questi ultimi gli chiesero come avesse fatto a sapere dove portare il cavallo, lui rispose: "io non lo sapevo, ma il cavallo sì! Mi sono limitato a riportarlo sulla strada quando lui tagliava per i campi. Il resto lo ha fatto da solo".
Milton Erickson con il suo esempio ispira la nostra pratica clinica e anima la nostra ricerca.

                                                                                                             ...torna su

 

Puoi contattare l'IRRI di Roma

 

L'Istituto Romano per  la Ricerca sull'Ipnosi clinica e sperimentale  -  I.R.R.I. si trova a Roma in

 

                                              Via Montagne Rocciose, 44   00144 - Roma
                          ( Roma Eur - Metro Laurentina - Laghetto - Aeronautica - Europa )

 

telefonando direttamente al Direttore Responsabile

                                               Dott. Francesco D'Onghia

                                               chiamando il numero 347 2265998


oppure scrivendo una email a:

                                                [email protected]

(Ricorda di inviare il tuo recapito telefonico per essere ricontattato più velocemente)

                                                                                                             ...torna su